Visita al castello di Sarre

La visita al castello di Sarre è piacevole e rilassante, a volte noto tra i clienti due reazioni diverse: o piace molto o si rimane delusi, quasi non ci sia una via di mezzo.

Il motivo può essere facilmente spiegato poichè non si tratta del classico castello medievale (pur avendo origini antiche come tutti i castelli della Valle), le modifiche architettoniche del 1705 lo hanno completamente trasformato nell’edificio che vediamo oggi, secondo il gusto moderno settecentesco che si allontana dalla visione di preservazione dell’antico.

L’interno fa parte di un allestimento museale che riproduce gli ambienti come dovevano essere in epoca sabauda, alcuni pezzi sono originali altri sono stati recuperati da altri allestimenti secondo il gusto nell’opera di recupero della società Moriana, il tutto attuato in un’ epoca moderna.

Senza ombra di dubbio i punti forte del castello sono la Galleria dei trofei ed il Salone dei trofei : due ambienti notevoli per dimensione e per il colpo d’occhio dato dalle migliaia di corna di stambecchi e camosci poste sulle pareti in un gioco decorativo di grande impatto, che ci ricordano il fine del castello utilizzato dai reali sabaudi  (Vittorio Emanuele II in particolare), per le loro battute di caccia.

La visita al castello di Sarre rappresenta un momento di contestazione con il passato alla ricerca di un gusto relativamente moderno sotto gli occhi attenti e vigile del visitatore contemporaneo, una visita  che sicuramente vale la pena effettuare una volta giunti in Valle d’Aosta.

Vi aspetto come sempre

Tania